Le Coeur d'Afrique offers many natural products, directly imported by Africa, obtained only by traditional way

Olio di Ricino

Le Coeur d'Afrique

Olio di Ricino

Il ricino è una pianta nativa dell'Africa tropicale, della famiglia delle euforbiacee.
Semi di Ricino sono stati trovati nell’antico Egitto in tombe risalenti al 4000 a.C. Erodoto ed altri antichi viaggiatori hanno annotato l’uso di olio di ricino per le lampade e per ungere il corpo. Anche in India l’uso dell’olio di ricino risale fino al 2000 a.C. per le lampade e come lassativo.

L'Olio di Ricino (Ricinus communis) trova indicazione in cosmetologia soprattutto per migliorare i capelli e le ciglia.
Un antico, ma sempre attuale ed efficace rimedio per infoltire e scurire le ciglia, è quello di stendervi con uno spazzolino un velo di Olio di Ricino prima di coricarsi, per diverse settimane.
E' inoltre un ottimo ristrutturante e rinforzante cosmetico dei capelli: si consigliano impacchi tiepidi sui capelli secchi, fragili, deboli, sfibrati per 3-4 volte al mese e sui capelli normali, se sfibrati e con doppie punte, per 1-2 volte al mese. Anche i capelli grassi troveranno beneficio da un impacco periodico di Olio di Ricino, se sfibrati e deboli.

L'olio di ricino ha una buona affinità per la cheratina, principale costituente di peli, capelli ed unghie. Per questo, l'olio di ricino viene ampiamente utilizzato dall'industria cosmetica, principalmente come agente idratante. Distribuito sulla pelle, infatti, forma un film che riduce fortemente l'evaporazione dell'acqua cutanea. L'olio di ricino è adattissimo anche per i capelli e ben noto per le proprietà rinforzanti, ristrutturanti, defaticanti ed ammorbidenti.
L'olio di ricino viene anche utilizzato per rinforzare e dare volume alle ciglia, applicandolo puro alla sera prima di dormire.

L'acido ricinoleico si è dimostrato essere efficace nel prevenire la crescita di numerose specie di virus, batteri, lieviti e muffe. Ciò dovrebbe spiegare l'alto grado di successo nell'uso topico dell'olio nel trattare malattie quali la tinea (causata da larve, vermi o funghi), cheratosi (malattie della pelle), infiammazioni cutanee, abrasioni, infezioni da funghi alle unghie, acne e prurito cronico.

Di solito per queste malattie sulla zona coinvolta viene semplicemente fatto un impacco con un panno imbevuto di olio di ricino oppure, se la zona è molto piccola, può essere usato un cerotto imbevuto. Si può rendere più veloce la guarigione delle infezioni resistenti e quelle alle unghie dei piedi e delle mani che sono scolorite e indurite, facendo precedere l'impacco con l'olio di ricino da un immersione delle parti interessate in una soluzione con sali Epsom.

Sono state trovate anche testimonianze di madri che allattavano (nelle isole Canarie) che utilizzavano un cataplasma ricavato dalle foglie della pianta. Esse lo applicavano sul seno per aumentare la secrezione di latte e per alleviare l'infiammazione e il ristagno di latte nelle ghiandole mammarie. Applicando il cataplasma nella zona addominale venivano anche normalizzate le mestruazioni.

Alcuni medici in anni recenti hanno ottenuto continui e notevoli risultati dall'applicazione di impacchi all'olio di ricino.
Questi sono un modo economico ed efficace per assorbire direttamente nei tessuti dell'organismo l'acido ricinoleico e altri componenti salutari dell'olio di ricino.
Può anche essere usato come olio per massaggi che sembra particolarmente efficace quando applicato lungo la colonna vertebrale. La direzione del massaggio dovrebbe sempre seguire lo stesso cammino del sottostante sistema linfatico drenante.
Si possono ottenere incredibili risultati anche con una semplice applicazione direttamente sulla pelle. La seguente è una lista parziale dei più comuni disturbi cui può porre rimedio:

* borsite,
* cheratosi cutanea,
* cisti sebacee,
* distorsione dei legamenti,
* ferite,
* infezioni batteriche e da funghi,
* lentigini senili (macchie "del fegato" o "dell'età"),
* prurito,
* smagliature addominali (prevenzione),
* strappi muscolari,
* tinea

Per che cosa si può usare l’olio di ricino?
1) Per ristrutturare, infoltire e allungare le ciglia,
2) per ridurre ed attenuare le borse intorno agli occhi,
3) per rinforzare le unghie,
4) per attenuare e prevenire le rughe del viso,
5) per colorare i capelli grigi,
6) per i massaggi.

1) Partiamo dalle ciglia.
Prendete mezzo cucchiaino di olio di ricino, bagnate lo spazzolino del mascara precedentemente pulito, e applicate il vostro “mascara” tutte le sere sulle ciglia. Con un po’ di costanza vedrete degli ottimi risultati!

2) Olio di ricino si può usare per ridurre ed attenuare le borse intorno agli occhi:
Riempite mezzo cucchiaino di olio e aggiungete due gocce di limone spremuto a freddo.
Miscelate il composto e poi picchiettatelo sul contorno occhi.
Massaggiatelo fino a quando la lozione non si assorbe quasi del tutto, facendo attenzione a non avvicinarla all’interno dell’occhio, per non incorrere in bruciore e conseguente irritazione.

3) Altro modo per utilizzare l’olio di ricino è per rinforzare le unghie:
Massaggiate l’olio sulle unghie prive di smalto, fino a completo assorbimento.
L’olio le rinforza e aiuta ad ammorbidire le pellicine intorno all’unghia!

4) L’olio di ricino è un ottimo alleato anche contro le rughe del viso!
Se usato con costanza aiuta ad attenuarle e prevenire la comparsa dei segni del tempo.
Miscelate mezzo cucchiaino di olio a tre-quattro gocce di olio essenziale di camomilla -lo trovate in erboristeria- e massaggiate il composto sul contorno occhi e sul contorno delle labbra.
Se soffrite di borse sotto agli occhi o di gonfiore, fate un impacco così composto:
-mezzo cucchiaino di olio di ricino,
-tre gocce di olio essenziale di camomilla,
-mezzo cucchiaino di argilla bianca.
Amalgamate bene il tutto e stendetelo sul contorno occhi.
Lasciate agire una ventina di minuti, quindi sciacquate con acqua tiepida.

5) L’olio di ricino -un cucchiaio da brodo- associato all’henné in polvere, e al succo di limone -un cucchiaino da the- aiuta a mantenere la colorazione duratura.
Quando applicate il composto, lasciatelo in posa finché non si secca, infine risciacquate la chioma con aceto di mele.

6)Infine l’olio di ricino può essere utilizzato come olio per massaggi, ha infatti un effetto disintossicante!